homepage organi commissioni albo tirocinanti normativa documenti ufficiali formazione protocolli d'intesa modulistica link utili contatti
NOTIZIE DALL'ORDINE
REVISIONE DEGLI ENTI LOCALI
MANIFESTAZIONE DI INTERESSE
SCIOPERO COMMERCIALISTI
TRASFERIMENTO SEDE
FORMAZIONE PROFESSIONALE
Regolamenti
Privacy policy
rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali
Confisca con prova specifica
Debora Alberici - Italia Oggi - pag. 27
Per la Cassazione (sentenza n. 37532 di ieri) è nulla la confisca a carico del contribuente se è stato il commercialista a non presentare la dichiarazione dei redditi. La misura non può scattare per l’assenza di vigilanza, ma serve il dolo specifico. I giudici di piazza Cavour hanno accolto il ricorso di un contribuente che si era visto confiscare i beni per l’evasione fiscale seguita all’omessa denuncia dei redditi. I giudici della terza sezione penale hanno accolto la tesi presentata dalla difesa chiarendo che in tema di reati tributari, la prova del dolo specifico di evasione, nel delitto di omessa dichiarazione, non deriva dalla semplice violazione dell’obbligo dichiarativo né da una culpa in vigilando sull’operato del professionista, ma dalla ricorrenza di elementi fattuali dimostrativi che il soggetto obbligato ha consapevolmente preordinato l’omessa dichiarazione all’evasione dell’imposta per quantità superiori alla soglia di rilevanza penale.
| © Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Tempio Pausania | codice fiscale: 91036530904 | site by metaping | admin |
rassegna stampa